Favolosi anni ’80

(Quella che segue è una mia personale e assolutamente incompleta rivisitazione degli anni80, per come li ho percepiti. Anni complessi e contraddittori – come accade per ogni decennio – che contrapponevano la spensieratezza ai conflitti socio-economici pronti a esplodere. Qui solo un sintetico focus sulla moda che, con la musica, interpreta la società e le condizioni socio-economiche del momento. Il post non è un trattato sociologico, ma un piccolo divertissement di cui capirete il senso alla fine.)

Gli anni ’80 furono prolifici di generi musicali, che rappresentano le varie anime della società del tempo e su cui non mi dilungo; per l’approfondimento vi rimando ai tanti post di Kikkakonekka (Saturday pop), davvero un esperto.

Io ho scelto la colonna sonora di Flashdance, come sintesi del periodo.

🎵🎵🎵

Penso che l’ottimismo del tempo, misto a una certa ingenuità, si sia espresso anche con gli abiti esagerati e pieni di lustrini, con spalline posticce enormi, colori fluo, tutine colorate e scaldamuscoli. L’aspetto glam di una certa società che cominciava ad accedere alle risorse, in misura non elitaria.

Da Donnaweb
Da Pinterest (Raffa solo raramente ha ceduto ai suoi capelli ricci)

💎

E a proposito di tutine e scaldamuscoli, ricordiamo Jane Fonda che rivoluzionò il mondo del fitness con le sue lezioni di aerobica.

Dal web

👚👚👚

Nella società la fiducia nella crescita economica si esprime nel fenomeno dei giovani rampanti chiamato yuppismo, che incarnano lo stile di vita delle grandi metropoli finanziarie.

Da Pinterest

☎️☎️☎️
Noi, povere employed, nel vestirci ci barcamenavamo tra lo stile pop e quello yuppy; quindi, un giorno spalline esagerate e l’altro rigoroso tailleur grigio.

In contrapposizione allo yuppismo la musica e lo stile grunge, che mette in evidenza le varie anime della società, in particolare delle grandi metropoli.

⌨🖱💽💾🖨

La tecnica elettronica è ora alla portata di tutti: ricordate il Commodore 64? Con circa 400.000 lire si poteva avere a casa il primo home computer che si programmava in linguaggio Basic, per cui sono stati venduti i primi videogiochi in cassetta.

Immagine da: https://retro-video-gaming.com/2012/07/01/commodore-64-and-so-many-games/

A metà anni 80 avevo già in ufficio il pc con sistema operativo ms-dos e gli antesignani dell’attuale pacchetto Office.

⌨⌨⌨

E poi i mangianastri stereo portatili, per cui la musica l’ascoltavi per strada in stereo (Ho avuto anch’io una radio-registratore stereo così).

Iconica l’immagine del ragazzo per le strade di New York che ascolta musica a tutto volume.

Dal web

🎵🎵🎵

E, poi, la musica in auto con le cassette…

🎵🎵🎵

Perché oggi parlo degli anni ’80? Perché per me furono favolosi e unici per un solo motivo: per i miei capelli!

Ma andiamo con ordine.

L’esagerato ottimismo si espresse anche nelle acconciature di ambo i sessi: vaporose, ricce…

🎵🎵🎵
Anche alcune cantanti nostrane diedero sfogo ai loro lunghi e voluminosi capelli.

🎵🎵🎵

Tra queste, anche una cantante che voi amici di WordPress conoscete bene: me!

Le mitiche tutine intere

Favolosi anni 80! L’unico periodo della mia vita in cui non ho lottato con i miei capelli ricci. 😂

Eccomi, invece, qualche giorno fa dopo il parrucco e senza trucco… con una certa dose di capelli in meno!

E quasi 40 anni in più…

🐞

Annunci

51 pensieri riguardo “Favolosi anni ’80

  1. Che mega tuffo nel passato molto gradito

    Piace a 1 persona

    1. Grazie. Quello che ricordo di frivolo, ma sono stati anni in cui si è persa l’ingenuità.

      Mi piace

      1. Lo so ma erano meglio di adesso

        Piace a 1 persona

      2. Già

        Piace a 1 persona

  2. Io ero piccina negli anni ’80,ma me li sono goduti parecchio! E ascoltavo heavy metal a manetta.Cavoli com’eri bella! E lo sei ancora,hai cambiato solo i capelli

    Piace a 1 persona

    1. Grazie per i complimenti. Io amavo la musica pop, quella dei ragazzini per bene. Come gusto musicale, non come giudizio etico.

      Piace a 1 persona

  3. Io ho amato gli anni ’80 con tutto me stesso, anche perché hanno coinciso con i miei anni da teen-ager, vissuti davvero intensamente.
    Anni che hanno dato speranza per il futuro (crollo del muro con ultimo atto), rinascita economica dopo la crisi petrolifera di fine anni ’70, diffusione dei computer come tecnologia a portata di mano per tutti, e poi una musica liberatoria ed elettronica, che ha fatto scatenare tutti i giovani dell’epoca.

    Piace a 1 persona

    1. Hai colto gli stessi aspetti che ho sottolineato io, ad eccezione delle capigliature, spalline e lustrini che tu, come ometto, hai notato meno

      Piace a 1 persona

      1. A me quelle pettinature non dispiacevano, e le spalline le indossavo anch’io con giacche e soprabiti.
        Quegli anni, tuttavia, ci hanno anche un po’ illuso. Un edonismo ed una crescita che non avrebbero mai potuto durare in eterno, e ce ne siamo accorti i decenni dopo con somma frustrazione.

        Piace a 1 persona

      2. L’edonismo reganiano vi aveva contagiato, ma la disillusione ci avrebbe svegliato.

        Piace a 2 people

      3. Vero. Ma l’edonismo “doveva” esserci, era un requisito necessario in quel periodo, per dare un boom non solo all’economia ma anche alle speranze di ognuno di noi

        Piace a 1 persona

  4. Ma che bella che Era la Raffa!!!!!

    Piace a 1 persona

    1. Non mi piaceva molto ma a vederla ora dico che era carina

      Piace a 2 people

  5. Che belli i tuoi capelli! In quell’epoca erano alla moda! 😀
    Mi piacciono un sacco i capelli come i tuoi *_* i miei sono lisci e fini, sicuramente sono pratici da gestire, ma sono senza volume e si sporcano subito… ogni capello ha i suoi pro e contro! 😀

    Piace a 1 persona

    1. Grazie! Ho approfittato di quel periodo per tenerli al naturale.

      Piace a 1 persona

  6. Stai benissimo, piacere di conoscerti 🙂

    Piace a 1 persona

      1. In effetti ho messo pochissime foto sul blog.

        Mi piace

  7. Erano anni senza timore. Dove gli spiriti libertini incontravano il rispetto delle regole che gli stessi spiriti cercavano di imporre.
    Erano i nuovi ’68, migliori forse, meno ribelli ma più incisivi.
    Era l’esplosione della dance, della disco, l’alba delle nuove stringhe rock. Il godereccio del tempo libero.
    Li vivrei volentieri.

    Piace a 1 persona

    1. Li hai bel definiti. Ricordo che a metà anni 80 si cominciò a parlare di aids. L’ho sempre letto come un segnale infausto.

      Piace a 1 persona

      1. Forse perché qualsiasi forma sana di vita porta con sè il monito stesso che la vita è un’eccezione

        Piace a 1 persona

  8. Che bel tuffo nel passato… gli anni senza timore dove la vita aveva un sapore diverso🙈

    Piace a 1 persona

    1. Tutti hanno questo ricordo di un periodo felice. Evidentemente era così.

      Piace a 1 persona

      1. Sai cos’è? Che è vero che si respirava aria diversa, ma oggi ci hanno indotto e ci “lavorano” in modo da farci stare sull’attenti per ogni cosa! Per carità i tempi son cambiati, peró il mondo non è fatto solo di accadimenti tragici e di brutte persone, anzi di persone stupende e di momenti felici questo mondo e questa vita ne sono stracolmi, soltanto che stiamo sempre sul piede di guerra, avanziamo con certe “ottiche tarate” che ci fanno maggiormente vedere il negativo allo scapito del buono! Dovremmo lavorarci su…💪☺️ non è cosa facile ma nemmeno impossibile😜👊

        Piace a 1 persona

      2. Hai ragione. In quegli anni conflitti di classe, l’aids che si scopriva come malattia, gli strascichi del terrorismo, ma non eravamo martellati dall’informazione a tappeto.

        Piace a 1 persona

  9. sono i quaranta che pesano. I capelli in meno se ne possono fare a meno. 😀
    Primi PC? e va bene visto che li conoscevo dalla fine anni sessanta.

    Piace a 1 persona

      1. No. Sono nato sui grossi calcolatori ma a scuola usavo il P101 di Olivetti – allora insegnavo.
        Poi ho programmato i primi terminali intelligenti per una banca. Per me la vera informatica è sempre stata il mainframe. pensa che ho costruito un software per la progettazione di carrozze ferroviarie che produceva anche i disegni esecutivi su un calcolatore di 32kb 😀 – 1980-82. Adesso della memoria su PC si parla di giga o tera per fare il nulla.

        Piace a 1 persona

      2. Dove lavoravo c’era il centro di calcolo, con enormi calcolatori tenuti in aria condizionata e gli impiegati in camice bianco. Era con schede perforate.

        Piace a 1 persona

      3. Ricordo benissimo quel mondo a 20 gradi costanti estate e inverno e l’albero di Natale che le luci generavano. Io ero come il medico curante, quando si fermavano: trovare il rimedio. Però mi piaceva programmare, scrivere programmi e così ogni tanto scrivevo pezzetti del sistema operativo per rendere più semplice il loro uso. A quell’epoca quei grossi bestioni avevano pochissima memoria.

        Piace a 1 persona

      4. Anch’io per un periodo ho scritto programmi, di tipo gestionale ma per pc. Il centro elettronico ha continuato a funzionare, ma per altri bisogni.

        Piace a 1 persona

      5. ricordi di un passato remoto

        Piace a 1 persona

      6. i miei qualche anno prima

        Piace a 1 persona

      7. Sei nato prima (vedi che non ho detto che hai più anni di me?)

        Piace a 1 persona

  10. Tute e capelli vaporosi, quanto mi piacevano! Per il resto, grazie del ripasso, mi sono divertita

    Piace a 1 persona


  11. Hai tracciato un piccolo capolavoro vintage… proprio come Gazebo con Masterpiece…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close