Instagram. Il meraviglioso mondo degli ashtag

Qualche giorno fa, tra i commenti al post Editoria, social e dintorni, c’è stata la richiesta di spiegare certi meccanismi di funzionamento di Instagram. Premesso che non sono una specialista nel campo e se volete potete cercare nei siti di guru del settore, posso però fornire delle semplici dritte, come mio solito, avendo, credo, il dono della semplicità e della chiarezza.

Per prima cosa – informazione per chi non frequenta il social – Instagram è principalmente un luogo virtuale dove si pubblicano immagini. Possono essere fotografie, ma anche immagini che contengono i messaggi che si vogliono lasciare; con un commento si può spiegare meglio ciò che si vuole dire. Oppure si può comunicare con un video personale in cui si dice il proprio punto di vista. Si hanno dei followers che ricevono sulla loro bacheca i tuoi post.

C’è però un meccanismo interessante che, se ben usato, ti fa raggiungere gli utenti del target giusto: gli ashtag (parole o concetto preceduti dal simbolo #).

Tutti possono creare ashtag, che, a loro volta hanno followers. Anch’io ne ho creato uno… inutile dire che non lo segue nessuno 😁

Ci sono però ashtag molto popolari.

Ora facciamo un esempio: se ho scritto un libro, l’idea è quello di venderlo. E a chi si vende un libro? Ai lettori, ovvio. Quindi, cercherò ashtag in cui confluiscono i lettori, per esempio questo qui sotto denominato #libridaleggere

Ce ne sono altri, tipo #librichepassione e così via. Voglio comparire col mio post tra gli autori? Scriverò #autori, #author ecc.

Gli ashtag si aggiungono durante il caricamento nello spazio della didascalia.

Devo dire che per me sta funzionando, anche se non sono da milioni di followers. A proposito di followers, c’è chi li vende. Bah…

57 commenti

  1. In realtà la cosa è un po’ più complessa. Devi scegliere il tipo di hashtag in base alla popolarità del profilo. Se hai un profilo piccolo, ti conviene inserire all’inizio hashtag di nicchia, dato che Instagram adesso ordina per popolarità e non per ordine cronologico.

    Piace a 2 people

  2. Personalmente utilizzo Instagram quasi esclusivamente per pubblicare foto dei miei viaggi o delle vacanze, però adesso che ho letto il tuo post degli ashtag proverò anche io a crearne uno.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.