Riflessioni a mente fusa nella canicola d’agosto

Chi mi segue su questo blog si sarà reso conto che sono meno presente. All’inizio è stato a causa della frattura dell’omero, con conseguente riabilitazione dolorosissima che mi ha stremato. Lo stato d’animo che ne è seguito, acuito dal caldo insopportabile, mi ha portato a essere meno partecipe di quanto il Reader proponeva ogni giorno. Sinceramente non riesco più a seguire un certo numero di blog, non mi attirano e non è colpa loro. Non riesco a entrare in sintonia.

Per di più l’esperienza di quella blogger frustrata che ha messo brutte recensioni su un mio libro e su altri di Elena e Laura Canepa e Alessandro Gianesini, approfittando delle promozioni gratuite o facendo il reso (in sostanza andando a scrocco), mi ha amareggiato e mi ha fatto riflettere sulla cattiveria gratuita che ti arriva addosso anche quando tu sei una persona educata che non si mette in urto con nessuno. Tutto ciò mi ha un po’ disamorato. Per inciso, ho approfondito altre situazioni e scoperto un’altra simpaticona (e non sarà l’ultima) che ha approfittato delle promozioni gratuite per dire la sua, dall’alto della sua saccenza e del suo pregiudizio. Ho capito che proviene da WP perché, al solito, ho visto che ha pescato tra gli scrittori che sono blogger della piattaforma, mentre erano in promozione gratuita. Noi ci mettiamo il lavoro e la faccia, mentre loro tramano nell’anonimato, sparando sentenze in un italiano approssimativo.

Detto ciò, non pubblicherò più le date delle mie promozioni e forse neanche l’annuncio di nuove uscite. Ho fatto un esperimento e, senza fare alcuna promozione sui social, ho verificato che ormai c’è uno zoccolo duro di persone che legge i miei libri. Chi tra di voi è mio amico lo saprà in via privata e mi farà piacere conoscere la sua opinione.

Per il resto, spero che mi torni un po’ di voglia. Al momento sono fusa, come l’asfalto delle strade.

56 commenti

  1. Questi soggetti ci sono sempre stati e sempre ci saranno, penso che la molla scatenante in definitiva sia solo l’invidia e sinceramente fanno molta pena perché è gente che deve vivere davvero male per abbassarsi a questi “mezzucci”.
    Detto questo hanno l’importanza che gli si da, quindi vai avanti e fregatene altrimenti gliela dai vinta 😉

    Piace a 3 people

  2. Le recensioni negative posso esserci, non a tutti piacciono le stesse cose, certo tutto dipende da come le si manifestano. Credo occorra educazione e rispetto anche nel comunicare che qualcosa non è di nostro gradimento. Ma, come già detto da Silvia, oggi giorno muove soprattutto l’invidia, che è una brutta bestia. Il tuo morale a terra è comprensibile, ma non farti abbattere.

    Piace a 1 persona

  3. Ele, impara a fare ciò che rende felice te come vuoi tu….. le merde sono ovunque, scrivi bene, scrivi libri belli, ma che cacchio ti importa del resto! I tuoi lettori sanno, ti conoscono, non hanno bisogno delle recensioni altrui per verificare se sia un buon libro o meno. Coltiva la passione con amore, promuovi, fai quello che FA STAR BENE TE….il resto si fotta! Hai sofferto quest’estate, e parecchio, ma goditi i tuoi successi e lascia perdere l’immondizia tanto cosa vuoi che facciano sti poveretti….

    Piace a 3 people

  4. Mi dispiace tantissimo per questo periodo così duro per te.
    Purtroppo come ti hanno detto già in molti, quando si mette qualcosa di nostro al giudizio altrui, si va incontro a tutto, anche a quel genere di persone, so che è frustrante, soprattutto quando sai di avere la coscienza a posto, ma nessuno è al sicuro (cit.).
    Però hai il tuo zoccolo duro e di questo devi essere felice e fortunata, non tutti possono contare su un gruppo di seguaci sostenitori, il mio (finché non mi manderanno a stendere) è composto di 4 massimo 5 persone e, tra l’altro, due leggono al prezzo di uno: Alessandro e la mamma. hahaha XD
    Scusa, volevo solo strapparti un sorriso. 🙂
    Noi continuiamo a fare del nostro meglio, poi, il resto si vedrà. ❤

    Per la tua "repulsione" (posso chiamarla così?) agli altri blog, forse sei solo un po' satura e hai bisogno di altro. Cerca di non sforzarti e di assecondare quello che il tuo corpo o la tua mente vuole in questo momento: hai voglia di un film, guardalo, ai foglia di fissare il soffitto, fissalo, non importi qualcosa con la forza o rischi che ti vada ancora più in urta…almeno, a me succede così.

    Ti abbraccio forte e spero tu possa ritrovare presto lo spirito giusto per riprendere alla grande.
    Buona domenica. 😀

    Piace a 1 persona

  5. Capisco che la cattiveria gratuita che colpisce la tua passione faccia rabbia, ho visto un po’ abbattute anche Elena e Laura, immagino per lo stesso motivo. Ma proprio perché sapete che non sono critiche reali al vostro lavoro, ma commenti malevoli e probabilmente dettati da invidia e frustrazione personale, non dovreste darci peso. Certo anche Amazon con i suoi algoritmi non aiuta, ma i lettori che ti conoscono e ti apprezzano continueranno a farlo. E soprattutto, visto che immagino tu non viva di questo, continua a scrivere per te stessa, perché ti piace e ti dà soddisfazione. E’ la miglior vendetta contro quella gente.

    Piace a 1 persona

  6. Il giudizio sul proprio “piccolo” è sempre faticoso da gestire, gli si dedica tanto impegno, cura, aspirazioni. L’idea di pubblicare mi esalta e preoccupa insieme e reputo sempre coraggioso chi decide di compiere l’ultimo passo. Purtroppo non ho consigli veri, mancandomi l’esperienza, spero tu riesca a lasciar andare, a riconquistare l’entusiasmo, la gioia e che il ‘peso’ dei buoni riscontri schiacci quello di poche voci dissonanti. Non dedicare a loro le tue energie, ignorali/e, hanno avuto i loro 5 minuti di gloria usandoti? Buon per loro, ma adesso… Circolareee!
    Un abbraccio.

    Piace a 1 persona

  7. mi spiace per le brutte esperienze che hai avuto qua sulla rete, io di solito cerco sempre di trarre il meglio da tutto ciò che leggo sui vari blog. Come sai io non leggo libri per mancanza di tempo, visto che come vedi dal blog sono sempre in viaggio, ma ho sempre la massima considerazione per coloro che sono riusciti a pubblicare le loro opere. Mi fa piacere che hai un buon pubblico che ti stima e ti segue, ti mando un caro abbraccio, se vorrai il mio blog è sempre pronto per regalarti qualche attimo di distrazione dallo stress quotidiano…😉🤗👍😊

    Piace a 1 persona

  8. Ciao Elena, ho letto soltanto adesso questo tuo sfogo che per quanto possa e sia legittimo, non deve però prendere il sopravvento su ti te sul tuo essere. La cattiveria e l’invidia sono sempre esistite e oggi come oggi forse ve ne è ancora di più di un tempo. Già tempo addietro quando avevi s ritto un post a questo riguardo, ero andata a leggere la recensione ebbene, mi sono cas ate le braccia da come era stata scritta… E sai che ti dico? Devi dargli l’importanza che meritano ossia: niente. Perchè sono loro una nullità. Continua ad andare avanti come sei sempre stata: attiva sul blog, scrivi e pubblica i tuoi libri che a tutti noi sei sempre piaciuta in primis come persona e in secondi come scrittrice. Fregatene, perchè è chiaro e lampante che si tratta soltanto di gente che rosica, cattiva e aggiungo anche meschina. Un abbraccio e buona serata

    Piace a 1 persona

  9. Hai ragione e sono sacrosante le tue parole. Non si pretende che quello che scriviamo piaccia a tutti, anzi può darsi il contrario ovvero non piace affatto. Però fare una critica oggettiva spiegando il motivo del dissenso non fa mai male. Si impara sempre da queste critiche negative. Commenti non motivati oppure valutazioni anonime quelle no. Chi lo fa è una persona frustrata.
    Come ti ho scritto in privato non credo di fare nuove promozioni, visto che si scarica senza ricevere un feedback ma spesso solo valutazioni negative. Scrivere lo faccio per passione e di sicuro non mi permette di campare. Per fortuna ho altri proventi.. Scrivo male? Basta dirlo spiegando e ne prendo atto.

    Piace a 1 persona

    • La mia e la tua posizione in merito è condivisa da altri scrittori e sarebbe ora che Amazon vietasse l’anonimato per chi vuole lasciare recensioni. Penso che anch’io ho finito con le promozioni gratuite visto che il nostro editore ha cambiato politica. Pochissimi scrittori ormai vivono di scrittura, pertanto sarebbe gradito almeno un trattamento educato da parte di chi legge.

      Piace a 1 persona

      • Hai perfettamente ragione. Quando finisco un libro, gratis o a pagamento, lascio un commento più o meno lungo e lo firmo sempre – e va bene viene firmato da Orso Bianco 😀 ma si può sempre risalire a me.

        "Mi piace"

  10. Sì, lo so che quando prendi un cazzotto allo stomaco la consapevolezza di essere superiore a chi te lo dà non ti fa passare il male, però un pochino aiuta, dai. Quanto al momento di saturazione nei confronti dei blog altrui, devi fare una cosa sola: assecondarlo. Prima o poi passerà e tornerai a leggerci, l’importante è che al momento cerchi di stare bene tu.

    Piace a 1 persona

    • Grazie, Barbara. È come dici tu. Comunque, il tuo blog non è tra quelli che non riesco a leggere. In effetti, sono rimasta affezionata ai blog dei primi tempi, quelli di cui ho avuto modo di conoscerne l’autore. Poi ci sono altri più nuovi che mostrano una certa personalità, per il resto tutti gli altri, al momento, mi sembrano una massa informe, ma passerà, come dici tu.

      Piace a 1 persona

  11. Ciao Elena, anche a me è venuto d’istinto da dirti “machissenefrega!”, però leggendo oltre nei commenti ho capito che tu ci hai proprio sofferto, più per la cattiveria che per la vera critica (che può costruttiva, come dici tu). A me, più che al libro, unico tra l’altro, sono capitati commenti negativi e anche un po’ velenosi sulle ricette. Le prime volte non resistevo, rispondevo a tono scatenando una sequela di insulti (a me, ovviamente). Ho imparato, lascio correre. Scrivere sul blog mi diverte, tutto il resto è contorno. Concludo che anch’io ho fatto una scrematura sui blog che seguo, non per disinteresse, ma perchè non posso passare la vita a leggere post 😉

    Piace a 1 persona

    • Grazie del tuo sostegno. Essere criticati e presi a male parole per una ricetta mi sembra il massimo! Anch’io di partenza ho ricambiato un certo numero di blog stranieri che alla fine non mi seguono e io ho smesso, anche se non li ho cancellati, ma per forza qualcuno rimane indietro. Aspetto un tuo nuovo libro. Magari una storia d’amore ai fornelli. Vanno tanto di moda. Ti auguro una buona giornata.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.