Perché vengono a bussare alla mia porta?

Pexels- Foto di Andrea Piacquadio

Perché vengono a bussare alla porta della mia mente?

Mi riferisco ai protagonisti delle mie storie.

Me ne stavo tranquillamente a scrivere il mio ultimo romanzo che parla di una donna, una dottoressa, che va a esercitare la sua professione in Austria, quando la mente ha cominciato a vagare per conto suo. Di solito la lascio fare. È come un pensiero laterale che non mi interrompe in quello che faccio.

Così si è palesato un nuovo personaggio, un avvocato. Si chiama Marco Tullio Smithson, civilista, figlio di J. J. Smithson (J. J. sta per Jonathan Jerome), penalista, lui sì, un vero principe del foro.

Marco Tullio ha dovuto fare i conti col suo nome altisonante: suo padre, un americano che ha studiato legge a Roma e lì è rimasto a esercitare la professione, è un estimatore del famoso avvocato Marco Tullio Cicerone e ne ha dato il nome al proprio figlio, segnandone in qualche modo il destino. Meglio diventarlo veramente, avvocato, piuttosto che essere preso in giro per tutta la vita.

Mentre suo padre J.J. è un famoso penalista, lui si accontenta di fare il civilista, andando in aperto contrasto col genitore che disprezza gli argomenti di cui si occupa: liti di condominio, decreti ingiuntivi, liti per i confini, questioni di eredità…

Ha sui cinquant’anni, vive da solo con un gatto di nome Cicero e ha lo studio nel palazzo dove vive un’altra mia protagonista, l’investigatrice privata Virginia Saint Martin. È anche amico dai tempi del liceo di Fil Vanz.

Ora cominciate a capire dove vado a parare.

Intanto io posso tornare a scrivere il mio romanzo perché Marco Tullio, per il momento, è soddisfatto.

28 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.